martedì 14 ottobre 2014

Progetto 116 Centro Stile Alfa Romeo - Figurino di stile per ALFETTA

L' Alfetta (progetto n.116) fu la figlia legittima della confusione marketing che regnava all'Alfa Romeo nel 1969. La rivoluzione culturale di quel decennio aveva modificato il "modus vivendi" della società italiana, intaccando persino i gusti personali. Di fatto, in Alfa, dubitavano che le sagome delle loro "1750" e "Giulia" avrebbero retto l'impatto delle linee geometriche di quegli anni, ma neppure si voleva scontentare la clientela tradizionale. In un primo tempo si decise di rinnovare la "1750" con aggiornamenti estetici ed una nuova motorizzazione più "europea" che, nel 1971, veniva presentata con la denominazione "2000". Nello contempo si dette anche il via alla realizzazione del progetto. Il Centro Stile Alfa, guidato da Giuseppe Scarnati, disegnò così una vettura intermedia tra la "2000" e la "Giulia", pronta a sostituire il primo modello che avesse perso troppo terreno sul mercato. Linee tese e spigolose e una particolare attenzione allo spazio interno, per vestire uno schema tradizionale e prestigioso da berlina sportiva, settore in cui le Alfa Romeo, all'epoca, erano considerate il "non plus ultra".



.

giovedì 9 ottobre 2014

1989 Germany - PORSCHE Panamericana Concept




















La Porsche Panamericana è una concept car realizzata nel 1989 come omaggio per l'ottantesimo compleanno di Ferry Porsche,  nasce sulla base meccanica della 911 dell' epoca, la 964 Carrera 4 Il design è opera del centro stile interno guidato da Harm Lagaay,  la carrozzeria è realizzata interamente in fibra di vetro ed anticipa numerosi tratti stilistici delle future Porsche di produzione.
La Panamericana e' stata presentata al salone di Francoforte del 1989 e successivamente  in Giappone al salone di Tokio dello stesso anno. Attualmente la vettura è esposta al Museo Porsche di Zuffenhausen.

giovedì 25 settembre 2014

1969 SWITZERLAND - MONTEVERDI High Speed 375 S - Carrozzeria FISSORE






la due posti coupé Monteverdi ad alta velocità 375 S è derivata dalla 375 L che è stato il modello più popolare high speed di Monteverdi, costruito in serie fino al 1976 e costantemente sviluppato. La versione S venne prodotta con il passo accorciato e il frontale stilisticamente rivisto, era inoltre dotata di un cambio manuale, e quindi rivolta a utenti piu' sportivi.
La carrozzeria fu affidata alla storica carrozzeria Fissore di Savigliano che era uno dei fornitori principali di Peter Monteverdi.
Il risultato e' una vettura dalla linea filante, elegante ed al tempo stesso sintesi di estrema sportivita', ancora oggi attuale.